Storia

Ritorna alla Home

 

Agrigento, “La più bella città dei mortali” la definiva Pindaro. La spettacolare Valle dei Templi  appariva a Goethe nel 1787, così resta agli occhi di chi oggi ammira uno dei resti più maestosi della civiltà greca.

Abitato sin dalla preistoria, come dimostrano numerose tracce, il territorio di Agrigento è destinato a diventare polis greca. La città di Akragas viene fondata nel VI secolo a.C. da coloni gelesi, provenienti dalle isole di Creta e di Rodi.

Dopo il periodo di splendore greco, Akragas diventa Agrigentum per i Romani e Gergent con la conquista araba, che porta un periodo di decadenza ed un ridimensionamento del territorio. Con i Normanni la città prende il nome di Girgenti e viene decorata da chiese, palazzi e monumenti.

Nel 1929 la città prende il suo nome attuale, Agrigento (Girgenti in siciliano), è nota come Città dei templi per la sua distesa di templi dorici dell’antica città greca che nel 1997 diviene tra i patrimoni dell’umanità dall’UNESCO.